Approccio riabilitativo nelle patologie di spalla

Il fine ultimo del trattamento riabilitativo-fisioterapico per le patologie della spalla

come d'altronde per qualsiasi altro distretto, è la riduzione della sintomatologia dolorosa, il ripristino della normale articolarità e quindi la riduzione della limitazione funzionale. Ha indicazioni sia nel post-chirurgico che nel conservativo.
Consigliamo di solito sia il trattamento fisioterapico che idrokinesi-terapico, ovvero un trattamento riabilitativo svolto in piscine terapeutiche adatte.
L’idrokinesi-terapia grazie all’ambiente privo di gravità, favorisce il recupero funzionale del paziente, attraverso l’esecuzione di esercizi appropriati e scelti soggettivamente in base al deficit riscontrato.
Questa tipologia di approccio riabilitativo, viene sicuramente associata alla fisioterapia tradizionale, caratterizzata dal trattamento del paziente in modo passivo e attivo e l’associazione di terapia strumentale, ove fosse necessario.
Il trattamento passivo sarà dunque caratterizzato da movimenti che coinvolgono l’articolazione interessata, in assenza di contrazione volontaria da parte del paziente dei muscoli coinvolti nel movimento scelto, a differenza del trattamento attivo, il quale sarà caratterizzato dalla esecuzione di alcuni esercizi che vengono proposti al paziente, il quale li svolgerà autonomamente sotto la supervisione del fisioterapista.
Se necessario viene associata anche la terapia strumentale, che si serve di apparecchiature elettromedicali, come ad esempio tecar-terapia, laser-terapia o elettroterapia, che hanno un’azione per lo più antinfiammatoria e antalgica.
Estremamente importante sarà l’individualità e la soggettività di ogni programma riabilitativo, che verrà stilato in base alla patologia e quindi agli esiti che il paziente presenta, in modo tale da svolgere un lavoro mirato al deficit presente, allo scopo di ottenere un recupero funzionale e una migliore qualità della vita del paziente.

 

dott. Danila Salerno
Fisioterapista
Università degli Studi di Messina
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.